La riforma della Pubblica Amministrazione

Oggi mi trovavo a discutere sul futuro di Roma e di quanto questo futuro è legato al futuro del paese e in generale alle regole che impatteranno sulla pubblica amministrazione. La capitale è il regno della pubblica amministrazione e con questo dico una cosa ovvia. Il problema è che dormendo nella braccia della spesa pubblica il popolo romano ( che ormai di romano ha poco ) si è da tempo spento completamente e vive di inerzia osservando l’avvicinarsi del tempo degli zombies.
Il tempo degli zombie è quel periodo di tempo che trascorre tra il crollo del paese con relativo taglio violento della spesa pubblica e la successiva rinascita puntando sul turismo.

Ora vediamo alcune delle prime modifiche alle regole della Pubblica Amministrazione:

Dlgs Sanzioni disciplinari
Si interviene sull’illecito disciplinare della falsa attestazione della presenza in servizio. Si prevede, entro 48 ore la sospensione dal servizio e dalla retribuzione del dipendente colto in flagranza. Il procedimento disciplinare che conduce al licenziamento si chiude entro 30 giorni E’ introdotta altresì la responsabilità erariale per danno di immagine e la responsabilità disciplinare del dirigente che non proceda alla sospensione e all’avvio del procedimento.

Dlgs Autorità portuali
In luogo delle attuali 24 Autorità portuali, si istituiscono 15 Autorità di sistema portuale, che avranno sede nei porti definiti core secondo la normativa europea. Sono inoltre introdotte significative norme di semplificazione dell’amministrazione portuale.

Dlgs Razionalizzazione delle funzioni di polizia e l’assorbimento del Corpo forestale dello Stato
Si prevede l’eliminazione delle duplicazioni delle funzioni dei corpi di polizia e la gestione associata dei servizi comuni, l’assorbimento del CFS nei Carabinieri con valorizzazione della specificità agro ambientale.

Dlgs Dirigenza sanitaria
Si istituisce presso il Ministero della salute un elenco nazionale, fondato sui titoli, di quanti hanno i requisiti per la nomina a direttore generale delle Aziende sanitarie italiane. In caso di risultati negativi i direttori generali sono rimossi dall’incarico.

Dlgs Trasparenza
Si obbligano le amministrazioni a pubblicare in maniera chiara tutti dati di spesa, con particolare riferimento alle retribuzioni dei dirigenti. I cittadini potranno chiedere di conoscere dati e documenti alla Pubblica amministrazione. L’accesso ai dati è gratuito e la richiesta andrà soddisfatta entro trenta giorni.

Dlgs Società partecipate
Si prevede la drastica riduzione delle società partecipate inutili: le scatole vuote, le società inattive, quelle troppo piccole e quelle che non producono servizi indispensabili alla collettività. Sono introdotti interventi sui compensi degli amministratori e individuati i criteri chiari sulla base dei quali sarà possibile costituire e gestire le società partecipate.

Dlgs Servizi pubblici locali di interesse economico generale
Si afferma la centralità del cittadino nell’organizzazione e produzione dei servizi pubblici locali di interesse economico generale. L’erogazione dei servizi pubblici locali è ispirati a principi di efficienza, efficacia nella soddisfazione dei bisogni dei cittadini e applicazione dei costi standard nelle tariffe. Si promuove la concorrenza, la parità di trattamento tra pubblico e privato e adeguati livelli di tutela della qualità degli utenti.

Dlgs Codice dell’amministrazione digitale
Il rapporto tra cittadini e pubblica amministrazione è affidato a un’identità digitale, attraverso cui accedere e utilizzare i servizi erogati in rete dalle pubbliche amministrazioni, e al domicilio digitale, in collegamento con l’anagrafe della popolazione residente. Il Pin unico (SPID) sarà l’identificativo con cui un cittadino si farà riconoscere dalla pubblica amministrazione, mentre il domicilio digitale sarà l’indirizzo online al quale potrà essere raggiunto dalle pubbliche amministrazioni.

Dlgs Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA)
Un unico sportello ai cui rivolgersi e un unico modulo da presentare per le attività edilizie, produttive e commerciali al posto dei numerosi adempimenti oggi richiesti a cittadini e imprese. Si individuano inoltre, con esattezza, le attività per le quali è ancora richiesta un’autorizzazione; per le altre attività, alla presentazione del modulo sarà possibile partire subito. La richiesta di altri documenti oltre a quelli previsti è sanzionata anche disciplinarmente.

Dlgs Conferenza dei servizi
Si abbattono i tempi lunghi attivando la Conferenza semplificata, che non prevede riunioni fisiche ma solo l’invio di documenti per via telematica, e la Conferenza simultanea con riunione (anche telematica) che si svolge solo quando è strettamente necessaria. In entrambi i casi si considera acquisito l’assenso delle amministrazioni che non si sono espresse. Al massimo entro 5 mesi si avrà una risposta dalla Conferenza dei servizi.

Regolamento sblocca-procedimenti
Il Consiglio dei Ministri potrà attivare procedure accelerate per gli investimenti strategici. Il taglio dei tempi burocratici riguarda tutte le procedure, fino all’inaugurazione del sito  produttivo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...