Informatica nella PA fino al 2018

Cosa succede al settore ICT che opera per la Pubbblica Amministrazione nei prossimi anni ?

Andiamo ad estrarre dal piano triennale del governo gli elementi fondamentali:

  • SPENDERE LA META’
    • prevede un obiettivo di risparmio della spesa annuale della pubblica amministrazione, da raggiungere alla fine del triennio 2016-2018, pari al 50 per cento della spesa annuale media per la gestione corrente del solo settore informatico, relativa al triennio 2013-2015.
  • ESONERATI DAI RISPARMI
    • INPS
    • MINISTERO ECONOMIA E FINANZE
    • AGENZIE DELLE ENTRATE
    • CONSIP
    • AMMINISTRAZIONE DELLA GIUSTIZIA
  • DIMINUIRE I DATA CENTER
    • diminuire drasticamente la numerosità di data center
    • non potranno essere sostenute spese relative alla costituzione di nuovi data center né tantomeno quelle per l’adeguamento di applicazioni rientranti tra quelle disponibili nelle infrastrutture immateriali
  • RIUSARE I SISTEMI
    • Spid (il Sistema pubblico di identità digitale),
    • PagoPA (il nodo dei pagamenti per la gestione elettronica di tutti i pagamenti della PA),
    • la fatturazione elettronica,
    • ANPR (l’Anagrafe unica della popolazione residente),
    • ComproPA (il sistema delle piattaforme negoziali per gli acquisti della PA)
    • NoiPA (il sistema di gestione del trattamento giuridico ed economico dei dipendenti della PA).
    • l’infrastruttura per l’emissione della CIE (Carta d’Identità elettronica)
  •  USARE CONSIP
    • le società inserite nel conto consolidato ISTAT possono effettuare acquisti di beni e servizi informatici in via autonoma solo dopo aver verificato che non siano disponibili strumenti di aggregazione, attraverso la consultazione delle apposite pagine web (www.consip.it, http://www.acquistinretepa.it, nonché  la sezione “soggetti aggregatori”)

Detto questo pensate sia possibile risparmiare il 50% di media sui 3 anni senza penalizzare i servizi ?

La risposta è IN TEORIA ASSOLUTAMENTE SI…e vediamo il perchè :

  • In Totale sono stati censiti quasi 1000 diversi Data Center. Per rendere l’idea il colosso dell’ICT Google ha solo 14 Data Center sul territorio US e 5 in Europa.
  • Nella PAC il 94% dei ced viene usato da una singola amministrazione.
  • Nella PAL l’84% dei ced viene usato da una singola amministrazione.
  • Il 70% dei server nei ced della PA sono modelli TOWER

Il problema è che dismettere una enorme quantità di server e data center ha comunque un costo…pertanto risulta difficile ipotizzare una riduzione in un tempo ridotto…sono vantaggi a tendere…inoltre và tenuto conto che il 50% delle spese per i data center sono dovute al personale…riducibili solo con licenziamenti che in ogni caso portano ad una spesa assistenziale…

Tutta la discussione crolla pero’ penosamente di fronte alla clausola del MEF:

A tal proposito occorre precisare il risparmio di spesa annuale nella misura indicata dal citato comma 515 è da conseguire come media nel triennio 2016-2018: in altre parole il risparmio può essere conseguito, ad esempio, interamente in un solo anno oppure ripartito nel triennio in modo uniforme o con diversa modalità, purché venga rispettato l’obiettivo complessivo in media annuale, da valutare in sede di consuntivo per l’anno finanziario 2018

In pratica sembrerebbe che vi possa essere l’ipotesi di caricare tutto il risparmio sul governo scaturito dalla prossima legislatura e quindi dalle prossime elezioni politiche !!

Riferimenti:

http://www.agid.gov.it/sites/default/files/documentazione/circolare_piano_triennale_24.6.2016._def.pdf
http://www.istat.it/it/files/2011/01/LiistaAAPP-30settembre2015-GU227.pdf

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...