Il progetto GENERA

Mario pensa al primo giorno di lavoro da programmatore , una giornata senza senso e senza spiegazione ….nella metro pensa e ripensa…cerca di comprendere ma non riesce, ed arriva in ufficio.
Mario si presenta ai suo colleghi…Antonellina, Dom e Sarghinio…un team senza un responsabile di progetto…la prima riunione…appena entrato Mario ascolta e osserva…da un lato della stanza Fulvio osservava incuriosito.

I tre colleghi iniziano a ragionare ad alta voce…si nota uno strano senso di sbandamento, un sistema sviluppato in mesi di lavoro ma che non convinceva nessuno.

Mario entra nella discussione facendo domande, domande che aumentano sempre di più sia come quanità che come complessità…alla fine la disperazione dei colleghi…

era tutto sbagliato…funzioni e architettura…

Cosa voleva il cliente, una grande compagnia assicurativa ?

banalmente aveva chiesto di convertire tutto il settore data entry delle informazioni sulle polizze dalle schede perforate ad un sistema basato su personal computer.
La rete locale era Novell Netware 2.15, il sistema doveva inviare le informazioni al mainframe e queste poi dovevano ritornare elaborate sulle form dei PC.
Esisteva però una richiesta particolare e di fondo che Mario poi ha avuto modo di ricevere nel suo futuro anche da altri clienti, una richiesta che aveva creato il panico mentale nel ex capoprogetto e nel team.
La richiesta per il cliente era banale:

Voglio poter definire la struttura dei dati, le form, le regole di validazione e la navigazione tra le varie form. Il tutto lo deve poter fare la responsabile del settore data entry che è una gentile signora di 60 anni.

…e su una richiesta del genere, il team aveva invece cercato di censire le possibili form, i controlli, la navigazione…inserendo tutte le possibili varianti e condizioni nel software.

NON ERA QUESTO CHE VOLEVA IL CLIENTE !!

Mario inizia a pensare vorticosamente, giorno e notte, e dopo qualche giorno di sbandamento una mattina convince il gruppetto di colleghi che occorreva rifare tutto il progetto da capo.

Parte un misto di spiegazione e di fare convulso, Mario ha sempre avuto questa strana caratteristica…fare e pensare in modo troppo rapido…i colleghi lo osservano intimoriti ma lo seguono. Mario parla di metadato, disegna un database con sole 4 tabelle, inventa un sistema di definizione delle regole di validazione, produce controlli innovativi e non contento decide alla fine di scrivere anche un driver in assembler per avere il mouse anche su un gestionale clipper sotto msdos.

Nasce il progetto GENERA. Un modo di fare software e generatori che Mario riutilizzerà spesso nel suo futuro producendo poi FP,FPHOST,SWIC,ETNA, ma queste sono storie che riguardano prossimi capitoli…

IL PRIMO RILASCIO

Annunci